IL CORE: cos’è, quali muscoli comprende e perché se ne sente parlare in continuazione!

Di CORE se ne sente parlare di continuo, lo sappiamo. Tuttavia, sarebbe un grave errore dare per scontato che tutti sappiano precisamente cosa sia, quali muscoli lo compongono e quanto grande sia la sua importanza nel corpo e nella corretta esecuzione degli esercizi.

Quindi ora te lo vogliamo spiegare.

Il CORE è un insieme di muscoli. In pratica è la nostra ‘cintura/corsetto naturale’, il nostro sostegno e ha un doppio effetto sul nostro corpo.

Ha infatti la fondamentale funzione di sostegno della nostra schiena, e la funzione estetica di assottigliare il nostro girovita.

Il CORE è costituito da una serie di muscoli, che molto spesso in palestra, o nei comuni programmi di allenamento, dimagrimento e tonificazione, non sono presi minimamente in considerazione.

Questi muscoli sono:

− Retto addominale
− Obliqui interni
− Obliqui esterni
− Trasverso dell’addome
− Quadrato dei lombi
− Glutei
− Pavimento pelvico

L’insieme di questi muscoli ha, come accennato poco fa, una doppia funzione:

1) Sostegno della colonna vertebrale e prevenzione di dolori e traumi;
2) Assottigliamento del girovita e diminuzione della circonferenza dell’addome.

Il CORE andrebbe allenato continuamente, e attivato ogni volta che compiamo uno sforzo, che solleviamo un carico, che spostiamo un peso, che facciamo un esercizio.

ATTIVARE IL CORE significa, in parole povere, risucchiare l’ombelico verso la colonna. Irrigidire la muscolatura che lo compone. Tenere stretta la pancia. Fare in modo, nella pratica, che questi muscoli compiano l’azione per il quale sono stati predisposti nel nostro corpo.

Purtroppo, infatti, assumendo sempre più spesso posizioni sedute, come ad esempio in macchina, al computer, o anche sul divano, ci dimentichiamo di far funzionare questi muscoli, che a poco a poco diventano sempre meno tonici e sempre più rilassati.

Rilassandosi, tolgono via via quel sostegno naturale che dovrebbero, in primo luogo, dare alla schiena, con il rischio di incorrere a dolori, ernie e protusioni discali.

In secondo luogo, essendo meno forti e allenati, concorrono a far emergere un addome flaccido, poco tonico e prominente.

Tra tutti quelli nominati prima, il muscolo che maggiormente merita attenzione è il trasverso dell’addome, che ha la forma di una cintura con la funzione reale di essere un corsetto attorno alla vita e all’ombelico.

Quando il trasverso è tonico, riesce a contenere maggiormente i visceri e quindi la pancia, con il risultato di assottigliare il girovita.

Somiglianza tra il trasverso addominale e il corsetto usato dalle dame dell’800

Nel Metodo Linea Lazy, il CORE si allena maggiormente con i PLANK e altri esercizi stabilizzatori/posturali.

I Plank sono una grande famiglia di esercizi, e ce ne sono davvero moltissime varianti.
Ma anche i plank basici, in statica (quindi da ferme) hanno un incredibile effetto sulla muscolatura e quindi anche sul tuo girovita e sulla tua schiena.

I parametri da tenere ben presenti tutte le volte che esegui un plank sono:

− Ombelico stretto, risucchiato verso la colonna;
− Stabilità ed equilibrio;
− Respirazione continua, senza trattenere il respiro.

 

Plank statico sulle mani
Side plank

Vuoi assottigliare il tuo girovita e garantire un ottimo sostegno alla tua schiena, evitando dolori a quest’ultima o, peggio, problematiche più gravi quali protusioni o ernie?

Scrivi a info@linealazy.com o chiama il 392 3105099 per prenotare una lezione di prova gratuita presso uno dei centri Linea Lazy. Scopri qui dove si trova quello più vicino a te!

Ti aspettiamo 🙂